Unknown Magazine (Italy), November 1995

Keanu Reeves

A computer with a heart

(Translated from Italian by keanugirl76, translation edited by Anakin McFly)

The "handsome and damned" of Hollywood movies suddenly declares: “I’d like to have a family”. But in the meanwhile, between a sci-fi movie and a romantic comedy, he keeps on living in hotels.

by Elisa Leonelli

Los Angeles, October.

In the flesh, he is as fascinating and vulnerable as a child; the same way he looks in many movies, from My Own Private Idaho to Dangerous Liaisons, from Little Buddha to Speed. He welcomes us wearing his “usual” suit: apart from a white T-shirt, the rest is total black, from the jacket to the heavy shoes. He is sleepy and unkempt, but he’s kind and almost shy. Last night he played with his band, Dogstar, in a Beverly Hills spot until 3 am, and he has just woken up in the room of one of the many hotels where he has spent the last two years. All that he has is a suitcase and his faithful bike, a Norton 850 Commando. But when asked why he doesn’t have a house on his own, he immediately highlights that this is due only to the fact that in the past two years he has been working so much that he hasn’t had the time to find one. And that it’s not a choice at all: “I’m not a wanderer or a bohémian, as many people think”.

Actually, Keanu Reeves, who spent 31 years in Lebanon, Australia, Canada and the USA, between 1994 and 1995 starred in A Walk in the Clouds and Johnny Mnemonic - now in US theatres - in Shakespeare’s Hamlet – on stage – he has just finished co-starring with Vincent D’Onofrio and Cameron Diaz in Feeling Minnesota, a low-budget movie directed by Steve Baigelman, a beginner director-scriptwriter.

Son of an Hawaiian-Chinese geologist (his name, Keanu, indeed is Hawaiian and means “cold wind of the mountain”) and an English woman, he loves movies, theatre and folk-rock music. He admits he likes drinking and transgressing in various ways, but, at the same time, he feels ready to face the responsibilities of life, perhaps by settling down and starting a family. This in spite of some rumours, denied by those who know him very well, about his homosexuality and even a presumed “scandal wedding” with the 51 year-old record producer David Geffen, who has been defined “the richest gay in the world” by the weekly French magazine Voici.

In Alfonso Arau’s A Walk in the Clouds - the remake of Blasetti’s famous Quattro Passi tra le Nuvole - your character, a chocolate-seller orphan, wishes to start a family with the young girl he’s in love with. Is this a desire you share as well?
Yes, it’s a dream I have, even though my life is different from my character’s. I would like to get married, “settle down”, have children and perhaps a dog playing in the garden. I like romanticism, I think it’s one of the best things in life. Then I feel ready to get involved in serious issues. Anyway, all this will happen at the proper moment. When it happens, I will try to transmit to my children the values my parents taught me: respect, love and taking care of others.

Did the education you had as a young boy take an active role in your will to become an actor?
I don’t know what came to my mind when, at 16, I told my mother that I wanted to be an actor. I didn’t idolize any movie star, but I already felt this passion inside me. So I started taking acting lessons and practising. I left high school and I started studying Shakespeare and Stanislavski’s techniques. At school, I remember playing the part of Mercutio in a scene of Romeo and Juliet and I had a lot of fun. I regret having left school, even though many well-educated people say they don’t remember anything of what they were taught at school. I would have liked to study the classics, Latin, Greek and mythology.

What can you tell us about your co-stars in A Walk in the Clouds: Anthony Quinn, Giancarlo Giannini and the Spanish actress Aitana Sanchez-Gijon?
Anthony Quinn acts with such passion and joy that it’s a pleasure to see him. He improvises a lot and he taught me to act with more fluency. He also has told me some stories about his life, the feelings he had when he was young. I consider this a present and I think it helped our relationship on set. Also Giancarlo Giannini is both a fantastic man and actor. Regarding Aitana Sanchez-Gijon, in spite of our different cultures and backgrounds, I felt myself at ease with her. Maybe because we both acted on stage. I know we had an excellent relationship both on set and at a personal level.

Did you already know about the “magic realism” of the Latin-Americans or did you discover it with this movie?
I had read One Hundred Years of Solitude by Gabriel Garcìa Marquez, but my knowledge of it, before filming A Walk in the Clouds , was limited to this. I got fascinated by this way of making movies, by showing people’s wishes and fears as the elements of one fate, like something magic, as if there were deep connections between people and facts, invisible but capable of moving the world. And, as this culture suggests, I like believing that each of us can achieve the control of reality through time, knowledge and wisdom. I learnt a lot also about its music by listening to the Mariachis, both on set and in pauses. It was wonderful, at night, to hear their voices rising up to the dark sky, and I sang a serenade myself.

You play the bass guitar in a small folk-rock band. How did you get this passion for music, which you share with other young actors like Johnny Depp and Brad Pitt? Did you wish to become a rock star when you were a child?
Actually, I didn’t have such fantasies. I started loving bass guitar when I was 20, first of all because I liked the sound of this instrument and then for the sensuality that it inspires in me when I play it. With Dogstar - that's the name of my band - I play just for fun. We don’t consider it a job. Last summer, we went to Japan on tour - which we called “The Dog Days of Summer" – together with four or five friends, who had never been to that country. We had a lot of fun. We visited many towns, we drank beer, we met girls. In the future, we would like to go on tour to Europe as well.

Before getting to Johnny Mnemonic , let’s talk about your character, Prince Siddharta, in Bertolucci’s Little Buddha . What did you learn about Buddhism and meditation?
I only learnt the basis of what is called meditation. And I had a couple of spiritual experiences. Prince Siddharta’s trip towards enlightenment was a special experience: I felt like a child coming for the first time in contact with sorrow and death. And, thanks to that contact, he learnt a new sensibility to life and a deep sense of pity. I understood the precariousness of earthly life and I discovered the nature of mind: I experienced with surprise the independence of my mind, the separation from I and Ego. And I got the sense of the four “noble truths”: “Life is sorrow. The reasons for sorrow. The path towards the feeling of sorrow. The feeling of sorrow”.

Now, let’s talk about Johnny Mnemonic, his story , his character and about Robert Longo, who took advantage of this occasion to switch from painting to directing.
It’s a sci-fi movie based on the story of "cyberpunk" guru William Gibson and I think it’s part of a series of stylistic experiments Robert Longo is carrying out. It looks like the screen transposition of the Russian painter Malevich’s pictures, characterized by black and white geometries, checks, angles. And its set design resembles the Japanese anime. My character is a man with a computer inside his brain, where he can store thousands of info. In order to increase his mnemonic capacity, he even deleted all the memories of his childhood, and all his feelings. Thanks to the computer, he succeeds in finding the treatment for a mortal disease (more or less like AIDS or cancer to us), from which Jane (Dina Meyer) also suffers, but, in this research, the database to manage gets so huge that it cannot be contained in his mnemonic capacity any longer, and he’s about to die for it. The data comes out of his brain, while the pharma company interested in the treatment does anything in order to make them reenter. Thanks to his sacrifice to save Jane and all mankind, this man finds pity, a sort of warmth. I cannot reveal the end of this movie, but can assure you that Longo is really good and his movie is enjoyable.

Which other directors do you admire?
Above all Werner Herzog, Martin Scorsese and Howard Hawks, for their fantasy, their spirit and their language.

Which are your favourite actors and actresses?
I like very much Gena Rowlands, Christopher Walken, Robert De Niro, Vincent D'Onofrio, Dan Aykroyd, Sean Penn. But the one I’m really mad about is Vincent Price, the "king" of horror movies (he died in 1993 at 85).

How did you feel when River Phoenix, your friend and co-star in My Own Private Idaho, died (of an overdose in 1993)?
What can I say? I miss him a lot. He was really a special friend.

Finally, which is your zodiacal sign?
I’m a Virgo, which means very self-critical, maniacal, perfectionist and very tidy. It’s awful. Moreover, I’m left-handed, and a left-handed Virgo is the worst thing in the world!



In its original Italian:

Keanu Reeves

Li "bello e dannato" del cinema hollywoodiano, a sorpresa, dichiara: "Mi piacerebbe farmi una famiglia". Ma nel frattempo, tra un film di fantascienza e una commedia romantica, vie in albergo.

Un computer con il cuore

by Elisa Leonelli

Los Angeles, ottobre.

Dal vero ha lo stesso aspetto affascinante e vulnerabile, un po' da bambino, che avevamo conosciuto nei suoi film, da Belli e dannati a Le relazioni pericolose, da Il piccolo Budda a Speed. Ci riceve con la "diversa" abituale: nero totale, dalla giacca alle pesanti scarpe, rotto solo dal bianco di una T-shirt. E' assonnato, spettinato, ma gentile e quasi timido. Ha fatto le tre di notte suonando con la sua band, i Dogstar, in un locale di Beverly Hills e si è appena svegliato nella stanza di uno dei tanti alberghi che negli ultimi due anni sono la sua casa. Una valigia e la fidata moto Norton 850 Commando sono tutto ciò che possiede. Ma alla domanda perché non abbia una casa, ci tiene subito a sottolineare che dipende solo dal fatto che ha lavorato tanto negli ultimi due anni, da non avere proprio il tempo di cercarsela. E che non è assolutamente una scelta: "Non sono un vagabondo o un bohémien, come molti pensano."

In effetti, Keanu Reeves, 31 anni passati tra Libano, Australia, Canada e Stati Uniti, tra il '94 e il '95 ha recitato me Il profumo del mosto selvatico e Johnny Mnemonic, ora sugli schermi in Usa, in Amleto di Shakespeare a teatro e ha appena terminato le riprese di Feeling Minnesota, un film basso budget del regista-sceneggiatore esordiente Steve Baigelman, con Vincent D'Onofrio e Cameron Diaz.

Figlio di un geologo cino-hawaiano (il suo nome, Keanu è hawaiano e vuol dire "brezza di montagna") e di un'inglese, ama il cinema, il teatro, la musica folk-rock, ammette che gli piace bere e trasgredire in vari modi, ma si sente anche pronto ad affrontare le responsabilità della vita, magari mettendo su famiglia. A dispetto delle voci, sempre smentite da chi lo conosce bene, di una sua omosessualità e addirittura di un suo presunto "matrimonio scandalo" con il cinquantunenne magnate discografico David Geffen, che è stato definito dal settimanale francese Voici "il gay più ricco del mondo".

Ne Il profumo del mosto selvatico, di Alfonso Arau (remake del famoso Quattro passi tra le nuvole di Blasetti, ndr), il suo personaggio, il venditore di cioccolata orfano, desiderata più di ogni altra cosa farsi una famiglia con la giovane di cui è innamorato. E' un desiderio che prova anche lei?
Si, è un sogno che ho anch'io, anche se la mia vita è diversa da quella del mio personaggio. Mi piacerebbe sposarmi, "metter su casa", avere dei figli e magari un cane che gioca nel cortile. Mi piace il romanticismo, credo che sia una delle cose migliori della vita. E poi mi sento pronto a prendere degli impegni. Comunque, tutto questo succederà a tempo e luogo. Quando sarà, cercherò di trasmettere ai miei figli i valori che mi hanno insegnato i miei genitori: il rispetto, l'amore e l'attenzione agli altri.

L'educazione che ha avuto da ragazzo ha inciso nella sua volontà di diventare attore?
Mah, non so che cosa avevo in testa quando, a sedici anni, ho detto a mia madre che volevo fare l'attore. Non idolatravo le star del cinema, ma sentivo già questa passione dentro di me. Allora ho cominciato a prendere lezioni di recitazione, a fare esercizio, Mi sono ritirato dalla scuola superiore e mi sono messo a studiare Shakespeare e le tecniche di Stanislavski. Ricordo di aver recitato in una scena di Romeo e Giulietta a scola, nella parte di Mercurio, e di essermi divertito molto. Mi dispiace un po' di avere smesso gli studi, anche se tanta gente colta dice di non ricordarsi niente di quello che ha imparato a scuola. A me sarebbe piaciuto studiare i classici, il latino e il greco, la mitologia.

Che cosa può dire dei suoi partner ne Il profumo del mosto selvatico, Anthony Quinn, Giancarlo Giannini e l'attrice spagnola Aitana Sanchez-Gijon?
Anthony Quinn recita tanto abbandono e tanta gioia che è un piacere vederlo. Improvvisa molto e mi ha insegnato a essere più sciolto. Mi ha anche raccontato alcune storie della sentimenti vita, mi ha parlato dei sentimenti che provava quando era giovane. Questo per me è stato un vero regalo e credo che abbia anche favorito il nostro rapporto sul set. Anche Giannini è un uomo stupendo e un grande attore. Quanto ad Aitana Sanchez-Gijon, malgrado le culture e i retroterra diversi, mi sono trovato molto bene con lei. Forse perché abbiamo fatto entrambi teatro. So che ci siamo adattati perfettamente l'uno all'altra, si nella recitazione, sia a livello personale.

Conosceva già il "realismo magico" dei latino-americani o l'ha scoperto con questo film?
Avevo letto Cent'anni di solitudine di Gabriel Garcia Marquez, ma la mia conoscenza, prima di girare Il profumo del mosto selvatico, si limitava a questo. Mi ha affascinato questo modo di fare cinema, mostrando i desideri e le paure della gente come elementi di un unico destino, come qualcosa di magico. Come se ci fossero delle connessioni profonde tra persone e fatti, invisibili ma capaci di muovere il mondo. E poi mi piace credere, come suggerisce questa cultura, che ciascuna di noi può raggiungere un potere sulla realtà con il tempo, la conoscenza e la saggezza. Ho imparato molto anche sulla sua musica, ascoltando i Mariachi, sia nel film, sia nei momenti di pausa. Era meraviglioso, la notte, sentire le loro voci levarsi nel cielo scuro, e io stesso ho cantato una serenata.

Lei suona il basso in una piccola band folk-rock. Come è nata questa passione per la musica, che la accomuna ad altri giovani attori, come Johnny Depp e Brad Pitt: sognava fin da piccolo di diventare una rock star?
Veramente no, non avevo di queste fantasie. L'amore per il basso mi è venuto verso i vent'anni, prima di tutto perché mi piaceva il suono dello strumento e poi per la sensualità che il suonarlo mi ispira. Con i Dogstar, cosi si chiama la mia band, suono solo per hobby, non è che andiamo in sala di registrazione o che lo consideriamo un lavoro. Abbiamo fatto un tour in Giappone quest'estate che abbiamo chiamato. "The Dog Days of Summer", portando con noi quattro o cinque amici che non avevano mai visto quel Paese. Ci siamo divertiti molto, girando in varie città, bevendo birra, conoscendo ragazze. In futuro ci piacerebbe andare a suonare anche in Europa.

Prima di arrivare a Johnny Mnemonic, parliamo del suo personaggio, il principe Siddharta, ne Il piccolo Budda di Berolucci. Che cosa ha imparato sul buddismo e la meditazione?
Solo rudimenti di quella che chiamano la meditazione. E ho fatto un paio di esperienze spirituali. Compiere il viaggio del principe Siddharta verso l'illuminazione è stata per me una cosa molto speciale: mi sembrava di essere un bambino che veniva per la prima volta in contatto con la sofferenza e con la morte. E che da quel contatto traeva una nuova sensibilità alla vita, imparava il senso profondo della pietà. Ho capito allora la precarietà della vita terrena e ho scoperto la natura della mente: ho sperimentato con sorpresa l'indipendenza della mia mente da me, la separazione fra io ed ego. E ho afferrato il senso delle quattro "nobili verità": "La vita è sofferenza. Le cause della sofferenza. Il cammino che porta alla sensazione della sofferenza. La sensazione della sofferenza".

E ora ci vuole parlare di Johnny Mnemonic, della storia, del suo personaggio e di Robert Longo, passato con l'occasione dalla pittura alla regia?
E' un film di fantascienza tratto dalla storia del guru "cyberpunk" William Gibson e credo che faccia parte di una serie di sperimentazioni stilistiche che Robert Longo sta facendo. Sembra la trasposizione filmica dei quadri del pittore russo Malevich, con geometrie in bianco e nero, scacchi, angoli. E scenografie da cartoon giapponese. Il mio personaggio è un uomo che ha un computer dentro la testa, nel quale può immagazzinare migliaia di informazioni. Per aumentare la capacità della memoria, ha addirittura annullato il ricordo della propria infanzia, ha rimosso completamente le ragioni del cuore, i sentimenti. grazie al computer, riesce a scoprire la cura per una malattia mortale (più o meno come l'Aids o il cancro per noi), di cui soffre tra l'altro Jane (Dina Meyer), ma in questa ricerca la massa di dati da gestire diverta tanto grande da superare la sua capacità e sta per ucciderlo. I dati escono dalla sua testa, mentre la casa farmaceutica interessata alla cura fa di tutto per farli rientrare. Nel suo sacrificio per salvare Jane e l'umanità, l'uomo ritrova la pietà, una sorta di calore. Non dico il finale, ma posso assicurare che Longo è veramente bravo e il suo film godibilissimo.

Quali altri registi ammira?
Soprattutto Werner Herzog, Martin Scorsese e Howard Hawks, per la sua fantasia, il suo spirito e il suo linguaggio.

E tra gli attori e le attrici, quali sono i suoi preferiti?
Mi piacciono molto Gena Rowlands, Christopher Walken, Robert De Niro, Vincent D'Onofrio, Dan Aykroyd, Sean Penn. Ma quello che mi fa veramente andare fuori de testa è Vincent Price, il "re" dei film horror (morto nel 1993 a 85 anni, ndr).

Che cosa ha provato per la morte del suo amico River Phoenix, suo partner in Belli e dannati (morto per droga nel '93, ndr)?
Che cosa devo dire? mi manca molto. Per me era un'amicizia davvero speciale.

Per finire, di che segno è?
Sono delle Vergine. Quindi molto autocritico, maniaco, perfezionista, ordinatissimo. E' tremendo. Per di più sono mancino, e una Vergine mancina è proprio il peggio che ci possa essere!




Tagged:

My Own Private Idaho , Dangerous Liaisons , Little Buddha , Speed , A Walk in the Clouds , Johnny Mnemonic , Hamlet , Feeling Minnesota , Fake Geffen Marriage and Related, The , Articles Translated from Italian






You need to be a member to leave comments. Click here to register.