Gioia (Italy), November 14, 2000

KEANU REEVES

The 30 million-dollar man

(Translated from Italian by keanugirl76, translation edited by Anakin McFly)

TWO MOVIES PLAYING IN THEATRES AT THE SAME TIME. AND TWO UPCOMING “THE MATRIX” SEQUELS FOR A MILLIONAIRE CACHET. WORK AND SUCCESS ARE EXCELLENT, BUT NOT HIS PRIVATE LIFE. “BUT I DON’T GIVE UP. I’M LOOKING FOR A WIFE. AND A FAMILY OF MY OWN”.

by Elisa Leonelli

Keanu Reeves couldn’t believe it. After a set full of special effects like The Matrix, he played in a movie dealing with a very hard sport, without anything virtual; that is, American football. More athletic than ever and weighing 10 kg heavier – he put on weight on purpose – Reeves plays the part of a failed player who ended up painting ships at the harbour. But he gets one more chance and he’s called back to play again. Besides, this story is real, as in 1987 a strike of professional players risked stopping the championship. In order not to lose the million dollars offered by the sponsors, the National Football League decided to involve half-professionals and amateurs. While waiting to earn 30 million dollars for the two Matrix sequels, which will be filmed in Australia in Spring 2001 and directed by Larry and Andy Wachowski, Keanu Reeves didn’t rest. After being a player in The Replacements, he has been a serial killer pursued by James Spader in The Watcher (in theatres in December as well), a violent husband in Sam Raimi’s The Gift – co-starring Cate Blanchett – a workaholic that discovers love thanks to Charlize Theron in Sweet November, and, finally, a gambler that becomes a baseball coach to pay a debt in Hardball.

The 36 year-old actor is divided between a successful professional life (even the concerts of his band, Dogstar, are successful) and the problems of his private one: his ex-girlfriend Jennifer Syme lost their stillborn baby last January, and this tragedy put an end to their story. And, at least for the moment, it seems that the actor doesn’t want to start a family.

You have lost weight after “The Replacements”.
It was important to look like a real football player. I wanted to have a body like a quarterback, so I worked hard to develop my shoulders. I followed a diet and I did exercise with a personal trainer, but it wasn’t that hard: it’s easier to put on weight than losing it… Indeed, then it was more difficult for me to lose it.

As a child, were you a football fan like most American boys?
Yes, I was a fan like every child and I grew up watching football on TV, but I never practised it. So, to me, filming this movie has been like playing cowboys vs Indians like when I was a child. It was funny. The child inside me was happy. But don’t believe that I have become a champion: I’ve simply played the part of a football player, which, believe me, is totally different. But the sensation of being in a pitch, with the supporting audience, has been fantastic anyway.

You played in another movie dealing with sports: in “Hardball”, you are a baseball coach. Do you believe that practising sports is a formative experience for the young?
For me, it was. I played ice hockey and basketball when I attended high school. I liked the discipline, the team work, the physical tests that you face by winning and losing, and, from the social point of view, to be at ease with the others or not, the relationships that develop within a team. All these features form your character.

What was your education like and what made you decide to be an actor?
I don’t know what came to my mind when, at 16, I told my mother that I wanted to be an actor. So I started taking acting lessons and practising. I left high school and I started studying Stanislavski’s techniques. My parents separated when I was a child. My mother is English and moved from New York to Toronto, after the divorce, and there I grew up for 13 years. Once in a while we had a nurse who helped us to cook, sometimes my mother bought food at discounts, because we didn’t have a cent. We lived like a middle-class family expecting to get more when we actually had very little. But this was the way things went on at home.

Is there something you miss about College, which you didn’t attend?
An education. Anyway, later on, I met people telling me that their education wasn’t worth it and that they didn’t remember anything, so I started seeing things in a new perspective. I wish I had had a classical education and studied Latin, Greek and mythology!

Did one of your step-fathers, the stage director Paul Aaron, influence your will to become an actor?
Sure. One of the things that influenced this desire was that, when I was 17, my step-father was carrying on a stage production together with Claudette Colbert, and I attended rehearsals. Paul Aaron was much more than a father to me. When he started his love affair with my mother, I was only 9. I suffered a lot as I saw him like a stranger. Then, he and my mother split and I hadn’t seen him any longer until I turned 16. That was the beginning of a paternal relationship.

Your mother had four husbands. What kind of husband do you wish to be?
What kind of husband do I wish to be? The best husband ever. A thoughtful husband, ready for adventures, but also for sharing, and capable of support and collaboration. I would even help with the dishes!

Do you ever think about starting a family on your own?
I don’t see the day when I’ll have a family and I’ll become a father as very close, but I still have some time left to think about it.

On screen, you've worked with many actresses, very different from each other: what kind of woman do you prefer in real life?
Actually, I don’t have any favourite. I think I like those who don’t throw you out. I mean, I think that communication is basic, because real life is hard, it’s not like in movies.

Last summer you spent your holiday in Capri, with your sister. What did you like best about this beautiful island?
I’ve been to Anacapri for 10 days, but I’ve never reached the top of the island. I spent most of the time at sea. Capri was fantastic. I like the colour of the water, the sweetness and the freshness of the air. The seafood was delicious, especially mussels and clams. And the people I met were extraordinary.

Does your personality match your zodiacal sign?
I’m a pure Virgo, so I’m very self-critical. Virgos are “controlled eccentrics”, perfectionists and tidiness lovers. A bit unbearable, don’t you think? Moreover, I’m a left-handed Virgo. They say it’s the worst thing in the world!

How do you feel when playing with your music band?
To me, playing means above all collaboration and most time I’m at my ease with the guys of the band. One of our favourite sentences is: “Keeping the dream alive”. Because life on the road is hard. There’re so many pauses among concerts… But this has also a positive aspect, because it contributes to keep the experience fresh and new. So, it has been funny. Our first record has just come out in the USA. It’s entitled Happy Ending and we are proud of it.

Is your passion for music the same you have for acting?
Sure I like acting and doing my best, always and on every occasion, and it's the same when I play with my band. I like taking care of what I do.

How has your attitude towards acting changed in these years?
I started acting at 15 and I got my first salary at 16. I practised it also at school, with Shakespeare, and it was very funny. The stage helped me cultivate the desire to be an actor, then I went on. It’s the same sensation I still feel today and that grew up as I got old: to be able to die or live, and risk. In one word only: emotion, pure emotion.

What will the next two "Matrix”s be like?
It’s all still secret! I cannot speak. I can just tell you that the directors advised me to read some philosophy books written by Schopenauer and Hume.

Which are your favourite writers and which is the latest book you’ve read and that you liked?
I grew up with Dostoevski, the poet Rainer Maria Rilke and Edward Dahlberg. I can tell you that these are my favourite. What am I reading now? I’ve just finished Lucifer Principle by Howard Bloom, about the biological sources of human wickedness.

Do you believe in Heaven, Hell, God and the Devil?
I believe in an energy that could become either Good or Evil. But I don’t know what it may be like.

When you shot Bertolucci’s “Little Buddha”, it was said that you had become a Buddhist: is it true?
No. Actually, I don’t believe in anything and I’ve never followed any spiritual path. As a child, at school, I was always a sort of outsider, as if I lived life from the outside and I felt isolated. I express my “spirituality” by the way I live. A good behaviour, in an ethical way, it’s something that goes beyond any particular religious belief.

Are you optimistic about the future? Do you believe that, through your movies, you can contribute to make the world a better place?
I don’t think it’s possible. Don’t forget I’m only an actor. The more I think about it, the more I realize that you can just take care of yourself and your family. If you want to know the truth, then I really think I’m a pessimist.



In its original Italian:

KEANU REEVES

L'uomo da 30 milioni di dollari

DUE FILM CONTEMPORANEAMENTE SUGLI SCHERMI. E IN PROGRAMMA I SEQUEL DI "MATRIX" PER UN CACHET MILIARDARIO. LAVORO E SUCCESSO VANNO A GONFIE VELE, MENO LA VITA PRIVATA. "MA NON MI ARRENDO. CERCO UNA MOGLIE. E UNA FAMIGLIA TUTTA MIA"

by Elisa Leonelli

Non è parso vero a Keanu Reeves, dopo un set di grandi effetti speciali come quello di Matrix, di buttarsi in uno sport tutto muscoli, senza nulla di virtuale, come il football americano di Le riserve, sui nostri schermi in qusti giorni. Atletico più che mai, ingrassato appositamente per quel ruolo di ben dieci chili, Reeves è un giocatore mancato, finito a verniciare navi al porto, richiamato in campo, per l'occasione della sua vita, a giocare per il campionato. Tutto vero, fra l'altro, perché nel 1987 uno sciopero dei giocatori professionisti aveva rischiato di bloccare il campionato e, per non perdere i milioni di dollari degli sponsor, la National football league decise di chiamare semi professionisti e dilettanti. In attesa di intascare 30 milioni di dollari per i due seguiti di Matrix, che saranno girati in Australia, dai fratelli Larry e Andy Wachowski, nella primavera del 2001, Keanu Reeves non ha oziato. Dopo il giocatore di Le riserve, è stato un serial killer braccato da James Spader in The watcher (anch'esso nei cinema a novembre), un marito violento in The gift, di Sam Raimi, con Cate Blanchett, un maniaco del lavoro che scopre l'amore grazie a Charlize Theron in Sweet november, infine un giocatore d'azzardo che diventa allenatore di baseball per pagare un debito in Hardball.

L'attore 36enne è diviso fra una vita professionale che va a gonfie vele (persino i concerti del suo gruppo, i Dogstar, hanno successo) e le difficoltà di quella privata: la sua ex compagna Jennifer Syme ha perso lo scorso gennaio, pochi giorni dopo la nascita, il loro bambino e questa tragedia ha messo fine alla loro storia. E per ora, almeno, sembra che l'attore non abbia nessuna voglia di metter su famiglia.

E' dimagrito di nuovo, dopo "Le riserve".
Era importante sembrare un vero giocatore di football, volevo arrivare ad avere il corpo di un quarterback e mi sono impegnato per sviluppare le spalte. E ho lavorato sodo. Ho seguito una dieta e mi sono allenato con un personal trainer, ma non è stata dura: è più facile aumentare di peso che perdere chili... Infatti, poi, ho fatto più fatica a dimagrire.

bambino è stato un fan del football, come la maggior parte dei ragazzi americani?
Si, ero un appassionato come tutti i bambini e sono cresciuto guardando il football alla televisione, ma non l'ho mai praticato. Quindi, per me, girare questo film era come giocare ai cowboys e agli indiani da bambino. È stato divertente. Il bambino, che è in me era felice. Ma non crediate che sia diventato un campione: ho semplicemente recitato la parte del giocatore di football, il che, credetemi, è ben diverso. Ma la sensazione del campo, del pubblico e del tifo è stata comunque fantastica.

Ha girato un altro film legato al mondo dello sport: è un allenatore di baseball in "Hardball". Lei crede che praticare Sport sia un'esperienza formativa per i giovani?
Per me lo è stata. Ho praticato l'hockey su ghiaccio e il backet alle scuole superiori. Mi piaceva la disciplina, il lavoro in team, i test fisici che si affrontano vincendo e perdendo e, dal punto di vista sociale, l'andare d'accordo oppure no, i rapporti che nascono e si intrecciano in una squadra. Tutti aspetti che formano il carattere.

Come è stata la sua educazione e quali sono stati i motivi che l'hanno spinta a fare l'attore?
Non so cosa avessi in testa, quando ho detto a mia madre che volevo diventare un attore. Avevo circa sedici anni e da allora in poi ho iniziato a seguire corsi di recitazione e a esercitarmi. Ho abbandonato le superiori, ma ho studiato le tecniche di Stanislavski. I miei genitori si sono separati quando io ero piccolo. Mia madre è inglese e si è trasferita da New York a Toronto, dopo il divorzio, e là sono cresciuto per tredici anni. Ogni tanto avevamo in casa una colf che aiutava in cucina, altre volte mia madre acquistava cibo ai discount, perché non c'era una lira. Vivevamo da borghesi con la pretesa di avere di più avendo meno. Ma così funzionavano le cose a casa.

Cosa le manca del College, che non ha freqaentato?
Un'educazione. Ho incontrato, però, in seguito, persone che mi hanno detto che la loro educazione non valeva un bel niente e che non ricordavano nulla, quindi ho cominciato a vedere le cose con un'altra prospettiva. Magari avessi avuto un'educazione classica da piccolo e avessi studiato latino, greco e mitologia.

Uno dei suoi patrigni, il direttore teatrale Paul Aaron, ha inflnenzato il suo desiderio di diventare un attore?
Sicuramente. Una delle cose che hanno influenzato questo mio desiderio è stato il fatto che il mio patrigno stava curando una produzione teatrale con Claudette Colbert, quando avevo 17 anni e io ho assistito ad alcune di quelle prove. Paul Aaron è stato molto più un padre per me. Quando ha iniziato la sua relazione con mia madre, io avevo solo 9 anni. Ho molto sofferto, lo vivevo come un estraneo. Poi, lui e mia madre si sono lasciati e io non l'ho più rivisto fino a quando ho compiuto sedici anni. E il rapporto paterno è iniziato allora.

Sua madre ha avuto quattro mariti. Che genere di marito vorrebbe essere lei?
Che genere di marito vorrei essere? Il miglior marito che mia moglie vorrà che io sia. Un marito premuroso, con la voglia di avventura, ma anche di condivisione, capace di sostegno e collaborazione. Aiuterei perfino a lavare i piatti.

Pensa mai a farsi una famiglia sua?
Non vedo vicino il giorno in cui metterò su famiglia e diventerò padre, ma ho ancora un po' di tempo per pensarci.

Sullo schermo ha lavorato con motte attrici diverse fra loro: che tipo di donna preferisce nella vita reale?
In realtà, non ne ho di preferite, credo che mi piacciano quelle che non ti sbattono la porta in faccia. Intendo dire che la comunicazione è la chiave di tutto, perché la vita reale è dura, non è come nei film.

Quest'estate lei è stato in vacanza a Capri, con sua sorella. Che cosa le è piaciuto di più di questa nostra bellissima isola?
Sono stato ad Anticapri per dieci giorni, ma non sono mai andato sul punto più alto dell'isola, ho trascorso la maggior parte del tempo in mare. Capri era stupenda, mi piaceva il colore dell'acqua, la dolcezza e la freschezza dell'aria, i frutti di mare erano così buoni, soprattutto le cozze e le vongole. E la gente che ho incontrato era straordinaria.

La sua personalità cornsponde al suo segno zodiacale?
Sono una Vergine pura, quindi sono molto autocritico. I Vergine sono "eccentrici controllati", perfezionisti, amanti dell'ordine. Un po' insopportabili, non le sembra? In più sono anche un mancino della Vergine, dicono che sia la cosa peggiore.

Che sensazione le dà suonare con il suo complesso musicale?
Suonare per me significa soprattutto collaborazione e la maggior parte del tempo vado perfettamente d'accordo coi ragazzi del mio gruppo. Una delle nostre frasi preferite è: "Mantenere il sogno vivo". Perché è dura, abbiamo cosi tante pause fra un ingaggio e l'altro... Ma questo ha anche un aspetto positivo, perché contribuisce a mantenere sempre fresca e nuova l'esperienza. È stato, quindi, divertente. Il nostro primo disco è appena uscito negli Stati Uniti, si intitola Happy ending e ne siamo davvero orgogliosi.

La passione per la musica è la stessa che ha per la recitazione?
Sicuramente mi piace recitare e fare del mio meglio, sempre, in qualunque occasione, anche quando suono con la mia band. Mi piace prendermi cura delle cose che faccio.

Come è cambiato in questi anni il suo modo di vedere il mestiere di attore?
Ho iniziato a recitare a 15 anni e ho ricevuto la prima paga a 16. Ho fatto esperienza anche a scuola, con Shakespeare ed è stato molto divertente. Il palcoscenico mi ha aiutato a "tirare fuori" la voglia di fare l'attore e poi ho continuato. La stessa sensazione che provo ancora oggi, accresciuta dall'età: poter morire o vivere e che tutto sia sempre in gioco. In una parola, emozione, emozione pura.

Come saranno i due prossimi "Matrix"?
E' ancora tutto segreto! Non mi è consentito fare dichiarazioni. Posso soltanto dire che ho letto, su suggerimento dei registi, alcuni libri di filosofia di Schopenauer e di Hume.

Quali sono i suoi scrittori preferiti e qual è l'ultimo libro che ha letto e che le è piaciuto?
Sono cresciuto leggendo Dostoevskij, il poeta Rainer Maria Rilke e Edward Dahlberg. Direi che questi sono i mief preferiti. Cosa sto leggendo al momento? Ho appena finito di leggere Lucifer principle (Principio di Luccfero), di Howard Bloom, sulle fonti biologiche della malvagità umana.

Crede nel paradiso, nell'inferno, in Dio e nel diavolo? Credo in un'energia che si può manifestare e può diventare il Male o il Bene. Di che cosa si tratti veramente, questo non lo so.

Quando ha girato "Il piccolo Budda", di Bernardo Bertolucci, si diceva che lei si fosse avvicinato al buddismo: è vero?
No. In realtà io non credo in nulla e non ho mai seguito nessun percorso spirituale. Da bambino, a scuola, ero sempre una specie di outsider, era come se vivessi la vita dall'esterno e mi sentivo isolato. La mia "spiritualità" la esprimo nel modo in cui conduco la mia vita. Comportarsi bene, in modo etico, è qualcosa che va al di là del credo religioso.

È ottimista rispetto al futuro? Crede che con i suoi film possa contribuire a migliorare il mondo?
Non penso che sia possibile. Non dimentichi che sono solo un attore. Più ci penso e più comprendo che si può solo avere cura di se stessi e della propria famiglia. Se vuole saperla tutta, credo proprio di essere una specie di pessimista.




Tagged:

Matrix Reloaded, The , Matrix Revolutions, The , Matrix, The , Replacements, The , Watcher, The , Gift, The , Sweet November , Hardball , Dogstar , Lives and Deaths of Jennifer and Ava , Little Buddha , Articles Translated from Italian






You need to be a member to leave comments. Click here to register.