La Stampa (Italy), March 25, 2008

Keanu Reeves: “I, the pure among the corrupted cops”

(Translated from Italian by keanugirl76)

But the star is now dreaming of a musical

by Lorenzo Soria

LOS ANGELES

20 years have passed since Keanu Reeves’ first blockbuster, Bill & Ted’s Excellent Adventure. In that movie he played the part of a bewildered boy who spoke in monosyllables and whose face totally lacked expression. A character who wasn’t so different from what was actually Keanu at that time. Then further movies came, such as Speed, The Matrix trilogy, The Devil’s Advocate and Little Buddha (directed by Bernardo Bertolucci), which turned the Canadian actor into one of the most popular stars in the world. But, at 44, Keanu still keeps his original features: few words, a big sense of discomfort when talking about himself and the expression of one who doesn’t seem to feel any emotions. This happens also when he talks about his new movie Street Kings, which in Italy is entitled “La Notte Non Aspetta” (“Night Doesn’t Wait”): a story based on a James Ellroy novel, set in the corrupted LAPD, where he is the only detective who manages to save himself.

Street Kings is a very violent movie, with a very pessimistic vision of the LAPD. It’s so scary that you even get afraid of getting out of this room.
“When you mix a cop whose life has been very difficult with some corruption and a lot of old, good violence, the result is a fine drama. As far as corruption is concerned, I can’t add much as I never experienced it directly.”

Did you ever read Ellroy? Did you ever meet him?
“I never read his books or met him.”

Another character of the movie is Los Angeles itself, a big city which doesn’t seem very attractive. What did you feel when shooting in those ill-reputed blocks?
“I think that Los Angeles is a very exciting city. It offers a lot and many new people keep on coming so that they can re-invent it. Regarding the shootings, we had to change some locations as we did not feel safe, but it happened just on rare occasions.

Keanu, by now the electoral campaign has been going on for one year and many of your colleagues have already declared in public who they are going to support. What about you? Who is your favourite?
“I’m not so good at talking about such issues, so I prefer to avoid answering. I hope that the best - man or woman - will win. Honestly I don’t know what else I could say, especially in public.”

Are you worried about the global warming?
“I try to be careful, as everybody does. But I love bikes.”

You are a 44 year-old man. How do see yourself?
“I feel lucky. I think of my past experiences, the people I met, and I feel very lucky. As far as my age is concerned, now I take things more slowly but I think I’m also more aware of what way I’m following. And I think I can consider things more carefully. My job is basic in my life, but my friends and family are important as well. And my health too.”

And what is the way you have chosen?
“I’d like to play in a romantic comedy. And I’d like to sing and dance.”

Like Johnny Depp?
“Johnny was really great in Sweeney Todd.”

What do you think about the present movies?
“I wish they could change people’s way of thinking, but most of them are just entertaining. But I think it’s ok anyway, the most important thing is providing people with happy moments they can bring home.”



In its original Italian:

Keanu Reeves: "Io, il puro tra gli sbirri corrotti"

Ma la star ora sogna un musical

LORENZO SORIA

LOS ANGELES

Sono passati vent’anni dal primo successo di Keanu Reeves: Bill & Ted’s Excellent Adventure. Recitava la parte di un ragazzo stonato, dotato di un linguaggio fatto di monosillabi e di un volto totalmente privo di espressione. Un personaggio che non era così diverso da Keanu nella vita reale. Poi sono arrivi Speed e la serie di Matrix, assieme a film come L’avvocato del diavolo e Piccolo Buddha diretto da Bernardo Bertolucci, che hanno trasformato l’attore canadese in uno dei più popolari al mondo. Ma arrivato a 44 anni, Reeves conserva i tratti degli esordi: poche parole, un grande senso di disagio a parlare di se stesso, l’espressione di chi sembra non provare emozioni. Anche se si tratta di parlare del suo nuovo film, Street Kings, in Italia La notte non aspetta: una storia basata su un romanzo di James Ellroy e centrata sul Dipartimento di polizia di Los Angeles in preda a un’ondata di corruzione dove l'unico detective che si salva è lui.

La notte non aspetta» è un film molto violento, con un quadro pessimistico della polizia di Los Angeles, tanto da far venire paura a uscire da questa stanza.
«Quando mischi un poliziotto provato dalla vita con la corruzione e un bel po’ di buona vecchia violenza hai un bel dramma. Quanto alla corruzione, non posso aggiungere molto perché non ne ho mai avuto esperienza diretta».

Ha letto Ellory? Ha mai avuto occasione di incontrare lo scrittore?
«Mai letto i suoi libri, né incontrato Elloroy».

Un personaggio del film è la stessa Los Angeles, una metropoli che non appare molto attraente. Come è stato girare nei quartieri più malfamati?
«Trovo Los Angeles una città molto eccitante, che offre molto, dove continua ad arrivare gente nuova che la reinventa. Quanto alle riprese, abbiamo cambiato alcune location perché non ci sentivamo sicuri, ma è accaduto soltanto in rare occasioni».

Keanu, la campagna elettorale va avanti ormai da un anno e quasi tutti i suoi colleghi si sono schierati pubblicamente con un candidato o con l’altro. Lei da che parte sta?
«Non sono molto bravo a parlare di questi argomenti, preferirei evitare di rispondere. Che vinca il miglior uomo o la migliore donna. Non so che cos’altro dire, soprattutto in pubblico».

Il riscaldamento globale la preoccupa?
«Cerco di stare attento, come tutti. Però amo le motociclette».

Stando all’anagrafe è un uomo di 44 anni. Come si vede?
«Mi sento fortunato. Penso alle esperienze che ho avuto, alle persone che ho avuto occasione di incontrare e mi sento molto fortunato. Quanto all’età, corro un po’ meno ma penso di sapere di più in che direzione sto andando. E di sapere guardare meglio le cose in prospettiva. Il lavoro è fondamentale nella mia vita, ma sono importanti anche gli amici e la famiglia. E la mia salute».

E in che direzione sta andando?
«Mi piacerebbe fare una commedia romantica. E mi piacerebbe poter cantare e ballare».

Come Johnny Depp?
«Johnny è stato bravissimo in Sweeney Todd».

Che cosa pensa del cinema attuale?
«Mi piacerebbe considerarlo capace di cambiare le coscienze, ma il più delle volte è soltanto intrattenimento. Ma va bene anche così, l’importante è regalare al pubbli




Article Focus:

Street Kings

Tagged:

Street Kings , Bill & Ted's Excellent Adventure , Speed , Matrix, The , Devil's Advocate, The , Little Buddha , Articles Translated from Spanish






You need to be a member to leave comments. Click here to register.